Sogin: le attività, la ricerca e l’innovazione dell’azienda di Stato

logo_sogin2Sogin è la società di Stato incaricata della bonifica ambientale degli impianti nucleari italiani e della gestione e messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi provenienti dalle attività nucleari industriali, mediche e di ricerca, per garantire la sicurezza dei cittadini, salvaguardare l’ambiente e tutelare le generazioni future.

Sogin ha, inoltre, il compito di localizzare e realizzare il Parco Tecnologico, comprensivo del Deposito Nazionale dei rifiuti radioattivi.

Leggi il resto dell’articolo

Annunci

Sogin: il video istituzionale in versione inglese

ISogin is the Italian Government-owned company in charge of the decommissioning and clean-up of Italian nuclear sites and of the safe disposal of all radioactive wastes.

Sogin is implementing the largest environmental clean-up project in the history of Italy, aimed at ensuring people safety, protecting the environment and preserving the future of the next generations.

Sogin is also responsible of building the Radioactive Waste National Repository, that will be part of a Technological Park. Leggi il resto dell’articolo

Sogin: progetto per bonifica ambientale sito Eurex di Saluggia. Il video

ILa bonifica ambientale del sito Eurex di Saluggia terminerà nel 2029. Sogin sta realizzando il deposito temporaneo, denominato D2, progettato secondo le migliori esperienze internazionali, che garantirà la massima sicurezza nello stoccaggio temporaneo esclusivamente dei rifiuti radioattivi già presenti nel sito e di quelli che saranno prodotti dal decommissioning dell’impianto, in vista del loro successivo trasferimento al Deposito Nazionale. Leggi il resto dell’articolo

Progetto bonifica ambientale sito di Garigliano – il video di Sogin

CLa bonifica ambientale della centrale di Garigliano terminerà nel 2020. Nei prossimi quattro anni, Sogin demolirà il camino dell’impianto e, a valle della realizzazione del nuovo sistema di approvvigionamento idrico, il serbatoio d’acqua in quota.

Sarà predisposto il nuovo sistema di trattamento degli effluenti liquidi radioattivi, denominato Radwaste e sarà adeguato l’impianto elettrico di cantiere per le attività di decommissioning.

Sogin fa sapere che tutte le attività vengono svolte nel pieno rispetto dei  parametri ambientali e della normativa di riferimento. I rifiuti radioattivi e tutte le strutture e aree di lavoro sono costantemente sorvegliate e sistematicamente monitorate da decenni, a conferma dell’assenza di impatto per la salute dei lavoratori e dei cittadini ne’ di contaminazione verso l’esterno.

Le attività che Sogin svolge nella centrale del Garigliano e in tutti gli impianti nucleari italiani sono autorizzate e vengono vigilate da Autorità ed Enti, locali e nazionali, preposte a sovrintendere e a sorvegliare, ciascuna per la propria competenza, allo svolgimento dei lavori di smantellamento e di bonifica dei siti nucleari e alla messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi presenti. Leggi il resto dell’articolo

Il piano industriale 2011-2015 – Il video di Sogin

ISogin concluderà la bonifica ambientale dei siti nucleari italiani nel 2025.

Per terminare le attività di bonifica e arrivare a prato verde occorrono 4,8 miliardi di euro.

Nei 5 anni del piano, Sogin realizzerà attività di smantellamento per oltre 400 milioni di euro.
Leggi il resto dell’articolo

Progetto bonifica ambientale del sito di Rotondella – Il video di Sogin

I

Nel sito Itrec di Rotondella, Sogin concluderà, nei prossimi quattro anni, i lavori di bonifica del deposito interrato (fossa irreversibile).

Verrà realizzato l’impianto di cementazione dei rifiuti liquidi radioattivi e delle infrastrutture logistiche di cantiere funzionali alle operazioni di smantellamento.

Complessivamente, il valore della bonifica del sito di Rotondella è pari a 320 milioni di euro.

Nei prossimi quattro anni, Sogin realizzerà nei siti nucleari italiani lavori di bonifica per 508 milioni di euro, dei quali 75 milioni destinati all’impianto Itrec di Rotondella. Leggi il resto dell’articolo

Impianti IPU e Opec Casaccia – Progetto Sogin per la bonifica ambientale del sito

INel sito di Casaccia, Sogin continuerà, nei prossimi quattro anni, lo smantellamento delle scatole a guanti, operazione conseguita per la prima volta in Italia con tecniche in linea con le migliori esperienze internazionali del settore, e le attività di caratterizzazione dei rifiuti radioattivi. Saranno rimossi e smantellati i serbatoi interrati dei rifiuti liquidi radioattivi e proseguiranno i lavori di adeguamento della struttura dell’impianto OPEC-2 a deposito temporaneo.

Leggi il resto dell’articolo