Startup revolutionary road, il progetto che incentiva 17mila giovani italiani

lavoro_giovaniAiutare 17mila giovani italiani nel 2013 a sviluppare le proprie idee e a farle diventare un lavoro. Questo è l’obiettivo del progetto ‘Startup revolutionary road’, presentato da Fondazione Cariplo, Microsoft e Fondazione Filarete. E’ uno dei progetti che ha ricevuto il sostegno del programma YouthSpark, l’iniziativa globale lanciata lo scorso settembre da Microsoft per creare opportunità per i giovani nel campo della formazione, dell’occupazione e della nuova imprenditorialità. Leggi il resto dell’articolo

Annunci

No agli OGM: è l’appello delle associazioni alla politica

ogm_coltureUn appello a tutte le forze politiche impegnate nella campagna elettorale, perché si impegnino a dire no agli Ogm se faranno parte del nuovo governo.

A lanciarlo, una trentina di associazioni ambientaliste, di difesa dei consumatori e di categoria, tra cui Aiab, Firab, Legambiente, Greenpeace, Wwf, Federparchi e Slow FoodLeggi il resto dell’articolo

Eurora, è italiano il computer più green ed efficiente del mondo

euroraSi chiama Eurora ed è italiano doc il computer più “verde” ed efficiente del mondo. È installato a Bologna, per la precisione a Casalecchio di Reno, al Cineca, il consorzio senza scopo di lucro formato da 54 università italiane, Cnr e Istituto di Oceanografia e dal Miur, punto di riferimento italiano ed europeo per la ricerca scientifica e tecnologica.

Eurora, prototipo già pronto a sbarcare sul mercato, nasce dalla collaborazione tra il consorzio, l’italiana Eurotech, e l’americana Nvidia. Eurotech ci ha messo l’architettura della sua macchina Aurora Tigon e la tecnologia di raffreddamento Aurora  Hot water Cooling, Nvidia gli acceleratori Gpu Tesla K20 basati su Kepler.
Leggi il resto dell’articolo

Troppi i Comuni fuori legge. Curricula e stipendi ancora offline

buste_paga_dirigentiPer capire che cosa significa vivere al buio bisogna essere cittadini di Zapponeta, nel Foggiano.

Un paio di secondi per accedere al sito del Comune, molto meno per rendersi conto che delle informazioni fondamentali non c’è traccia.

Solo un lungo elenco di numeri telefonici e indirizzi mail. Niente nomi, di curricula e stipendi neanche l’ombra.  Leggi il resto dell’articolo

Campagna elettorale, nessuna trasparenza sulle voci di spesa del movimento di Grillo

mov_5_stelleNon si sa molto di come il Movimento 5 Stelle stia finanziando la sua campagna elettorale. Martedì, da una piazza di Catanzaro, Beppe Grillo è tornato a ripetere: “Nessuno ci venga a dire che senza soldi la politica non si può fare. Noi siamo la dimostrazione del contrario. Non abbiamo preso un euro, eppure siamo la prima forza politica del Paese”. Iperboli a parte (difficile sia la prima forza politica, anche se i sondaggi dicono che può ambire almeno al terzo posto) la dichiarazione è interessante: non spende un euro, il Movimento di Beppe Grillo. Ma il suo leader sta girando il Paese con un camper toccando due o addirittura tre piazze al giorno. Come? Con quali soldi?  Leggi il resto dell’articolo

Whatsapp a pagamento per la versione Android

whatsappSe ne era parlato tanto nei mesi scorsi. Più di una volta i social network si erano riempiti della bufala di “WhatsApp a pagamento”, puntualmente smentita. Pare che invece questa volta sia vero, almeno su Android. Nella descrizione dell’ultima versione dell’app (la 2.9.378 del 22 gennaio 2013) si legge infatti “abbiamo abilitato il sistema Google Play in-app-purchase per estendere il servizio”. L’estensione ha un prezzo di 0,89 centesimi l’anno e, al di là del costo irrisorio, sta già scatenando polemiche sul web. I primi a lasciare i loro commenti, ovviamente negativi, sono gli stessi utenti Android che hanno cominciato a scrivere post nello spazio dedicato alle recensioni sullo store di Google.  Leggi il resto dell’articolo

timeSpace: incubatore di idee per il futuro del giornalismo

The-New-York-Times-BuildingLe startup che si occupano di media hanno un nuovo punto di riferimento. Il New York Times, infatti, ha appena lanciato il suo incubatore, timeSpace.

Il progetto prevede quattro mesi di lavoro presso la sede del giornale a Manhattan durante i quali gli startupper potranno sedersi al fianco dello staff del quotidiano più prestigioso del mondo, presentando versioni demo dei loro prodotti a professionisti del settore nel loro ambiente di lavoro per valutarne l’impatto e possibili miglioramenti.  Leggi il resto dell’articolo